FamilySearch: Progetto US Passport Applications, 1795-1925


Dedico spesso del tempo a questo progetto perché mi appassiona, conosco bene l’inglese e trovo tantissimi emigranti italiani tra i fogli di questi registri.

Molte richieste di passaporto sono corredate di foto e questo mi emoziona ancora di più… vedo l’abbigliamento dei primi anni del ‘900, famiglie intere in partenza per viaggi di piacere o per ricongiungersi con i propri familiari nel Paese di origine, uomini d’affari diretti in Europa e infermiere che partono per ogni parte del mondo. E’ un meraviglioso spaccato della nostra storia e non manco mai di immergermi in queste pagine almeno una volta a settimana.

Veniamo alle notizie tecniche: è un progetto di livello intermedio, richiede ottima conoscenza della lingua inglese e capacità di decifrare tutti i tipi di calligrafie, chiaramente è necessaria la lettura, sempre in inglese, di tutte le istruzioni (Project Instructions) e dei relativi aggiornamenti (Project Updates).

Qui di seguito è illustrato un esempio di richiesta di passaporto, ne ho preso uno a caso tra le immagini già pubblicate sul sito di FamilySearch e mi sono accorta che si tratta di uno scrittore americano… vi assicuro che si incontrano tutti i tipi di personaggi!

Modulo di richiesta passaporto.

Modulo di richiesta passaporto.

Questo registro in particolare è del 1906, è bene specificarlo perché, con il passare degli anni, i moduli di richiesta dei passaporti statunitensi sono cambiati. Qui vediamo che è prevista una sola pagina per passaporto, non sono allegate fotografie ed è fornita, in sostituzione, una descrizione fisica del richiedente.

I passaporti erano concessi ad una singola persona, una coppia o ad un intero nucleo familiare. Le informazioni che troviamo sono molto utili per la ricerca genealogica, si leggono luoghi e date di nascita, date di matrimonio, nomi di coniugi e genitori, nomi e date di nascita dei figli, residenza, occupazione, destinazione  e motivo del viaggio.

Non è raro trovare in allegato lettere che testimoniano la necessità di lasciare gli Stati Uniti e che assicurano il rientro nel Paese.

In veste di arbitro ho riscontrato errori molto comuni e ripetitivi che potrebbero essere evitati semplicemente leggendo con cura le regole e gli aggiornamenti.

Uno tra tutti l’indicazione del genere, la regola aggiornata riporta quanto segue:

Indexing the Gender field

When indexing the gender field, please do not use information from the back of the application. However, note that the passport application may indicate gender in a number of ways, such as with relationship terms (such as husband or wife) or with pronouns. Do not assume gender based on given names.

La regola generale di non desumere il sesso della persona dal suo nome è sempre valida.

Leggiamo anche che il genere del richiedente può essere dedotto da tante parole che appaiono nel documento: titoli come Ms. Mrs. e Miss, termini quali husband/wife (marito/moglie), son/daughter (figlio/figlia) oppure da pronomi him/her (lui/lei) usati per il riconoscimento da parte di un testimone. Spesso anche la professione è indicativa del genere: housewife, workman

Riprendendo l’esempio precedente vediamo come l’indicazione della moglie e del pronome him nel riconoscimento da parte del testimone già ci forniscono senza dubbio la prova che si tratta di un uomo.

Accompagnato dalla moglie...

Accompagnato dalla moglie…

Riconoscimento del testimone - pronomi him/his

Riconoscimento del testimone – pronomi him/his

Come spesso accade, è sufficiente leggere con cura tutto il documento per svolgere un’accurata indicizzazione.

La regola stabilisce anche di non usare alcun dato presente nella pagine posteriore alla richiesta di passaporto, non sono molto d’accordo con questa decisione ma devo adeguarmi. Personalmente credo che il retro dell’atto sia sempre parte dello stesso e difatti contiene informazioni che renderebbero l’indicizzazione più completa.

Fonte Immagini: United States Passport Applications, 1795-1925. Images. FamilySearch. http://FamilySearch.org : accessed 2014. Citing NARA microfilm publication M1490, M1372. Washington, D.C.: National Archives and Records Administration, n.d.

Annunci

FamilySearch: Progetto Antenati Italiani – Mantova, Stato Civile 1806-1815


Il progetto Antenati Italiani di Mantova riguarda lo Stato Civile e comprende atti di nascita, matrimonio e morte. Si tratta di un progetto di livello avanzato che richiede esperienza, ottima conoscenza delle regole generali e particolari di indicizzazione e attitudine alla lettura di calligrafie anche abbastanza complesse. Ricordate di leggere le regole specifiche e gli aggiornamenti del progetto.

E’ bene munirsi di pazienza e tenacia, l’assenza di pagine prestampate rallenta la lettura degli atti e richiede maggiore attenzione.

Ogni atto segue sempre la medesima formula quindi, con un pò di esperienza, riuscirete subito ad individuare le parti del testo che vi interessano ai fini della trascrizione anche se in alcuni casi occorrerà comunque scorrere tutto l’atto alla ricerca di nomi o luoghi che dovranno essere chiariti.

Arbitrando questo progetto riscontro delle problematiche frequenti relative ai cognomi e ai luoghi di nascita. Si tratta di difficoltà che possono essere superate adoperando strumenti esterni al programma di indexing, come siti sulla ricerca dei cognomi in Italia e quelli relativi ai comuni italiani. Con l’ausilio di questi mezzi potrete decifrare anche le grafie più ostiche, basterà ingrandire l’immagine al 100% e metterci un pò di fantasia!

Spesso noto che alcuni indicizzatori non indicano il genere del defunto perché negli atti in questione non è riportato in modo esplicito,tuttavia lo si potrà evincere da altri termini: morta/o, vedovo/a, marito/moglie, figlia/o, da questi particolari potrete essere sicuri del genere e compilare il campo.

Vediamo insieme questo esempio di atto di morte:

Esempio di atto di morte.

Esempio di atto di morte.

I righi segnati in rosso contengono le informazioni che ci servono per indicizzare questo record. Ricordate di:

  • non confondere mai la data di morte con la data di creazione dell’atto, spesso non coincidono;
  • arrotondare l’età per difetto e di esprimerla sempre in anni;
  • non calcolare la data di nascita, se non è presente lasciate i campi vuoti.

Il modulo di indicizzazione in questo caso andrà compilato come segue:

Esempio di indicizzazione di un atto di morte.

Esempio di indicizzazione di un atto di morte.

 

 

 

 

 

 

 

 

I dettagli contenuti in questi registri sono importantissimi per la ricerca genealogica, compaiono mestieri, età, luoghi e nomi di genitori, ma anche di avi e figli. Si tratta di informazioni preziose che, grazie al nostro lavoro di indicizzazione, saranno presto disponibili per la ricerca.

 

FamilySearch Indexing: come funziona?


Traduzione del video:

La maggior parte degli eventi della vita dei tuoi antenati sono stati registrati e conservati su carta per centinaia di anni. Questi records sono probabilmente conservati negli archivi statali e parrocchiali.

FamilySearch sta lavorando dal 1894 per preservare questi documenti da danni e perdite così che le persone come te possano scoprire la storia della loro famiglia.

Per far ciò FamilySearch conserva una copia fotografica di questi records in un posto sicuro dove gli effetti del tempo non potranno più danneggiarli. Miliardi di records sono attualmente salvati su microfilm e oggi FamilySearch sta collezionando e salvando queste immagini in formato digitale. Milioni di questi records sono inoltre disponibili online così che chiunque possa accedervi gratuitamente.

Le immagini sono preziose ma affinchè diventino utili è necessario che le informazioni contenute nelle immagini siano ricercabili tramite computer. Questo è un processo chiamato Indexing ed è una cosa che i computer non possono fare. Fortunatamente centinaia di migliaia di volontari di tutte le età sono venuti in soccorso e in pochi muniti leggono le informazioni digitali e le trascrivono, FamilySearch poi salva queste informazioni e le rende disponibili alla ricerca in un database online chiamato FamilySearch.org.

Oggi milioni di persone posso trovare facilmente i loro antenati grazie agli sforzi di volontari proprio come te. Questo è magnifico, ma le immagini digitali si stanno accumulando e gli indicizzatori non possono gestirle tutte, sono necessari altri volontari. Con il tuo aiuto e con quello della tua famiglia e dei tuoi amici il nostro grandissimo obiettivo può essere completato. Puoi aiutarci e fare la differenza diventando un indicizzatore volontiario proprio oggi.

Fonte: FamilySearch.org