Gradi di Parentela


Per capire bene cosa si intende per parente e affine, riporto quanto stabilito dal Codice Civile italiano:

Art. 74 La parentela è il vincolo tra le persone che discendono da uno stesso stipite, sia nel caso in cui la filiazione è avvenuta all’interno del matrimonio, sia nel caso in cui è avvenuta al di fuori di esso, sia nel caso in cui il figlio è adottivo.

Art. 78 L’affinità è il vincolo tra un coniuge e i parenti dell’altro coniuge.

Il calcolo del grado di parentela tra due collaterali si effettua contando quanti gradi li separano, senza includere il capostipite.

I cugini sono parenti di 4° grado.

I cugini sono parenti di 4° grado.

 

 

 

 

 

 

 

Bisogna, quindi, contare i legami di parentela tra due persone (graficamente rappresentati da segmenti), risalendo fino al capostipite per poi scendere al parente che ci interessa. Nella figura in particolare vediamo come i due cugini siano parenti di 4° grado.

In linea retta la parentela coincide con le generazioni:

  • padre-figlio: 1 generazione, quindi parenti di 1° grado
  • nonno-nipote: 2 generazioni, quindi parenti di 2°grado

I coniugi sono legati dal rapporto di coniugio e, quindi, non sono parenti né affini.

La legge italiana non riconosce il vincolo di parentela oltre il sesto grado, chiaramente il nostro albero genealogico si può e si deve estendere ben oltre.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...